News

Ragazzi Generazione Z: Combattere la violenza con le Armi dell’Arte

2 min di lettura

Grande successo, al Centro Congressi Medioevo di Olgiate Comasco, per la presentazione del libro “Scarpette rosse – Il 25 novembre per dire NO alla violenza sulle donne” di Simona Barberio. Una sala gremita ha accolto l’importante lavoro che ha visto il contributo di 30 adolescenti e 40 donne che hanno voluto dire ancora una volta STOP alla violenza di genere. Il 2023 vede aumentare il numero di femminicidi commessi in Italia, ultimo quello di Giulia Cecchettin per mano del fidanzato, senza contare i casi di aggressioni e molestie ormai all’ordine del giorno. Per tale motivo, un lavoro come quello presentato ieri sera, diventa ancora più importante se non necessario, al fine di educare le nuove generazioni, fornendo gli strumenti giusti per capire da che parte stare.

Ma l’iniziativa affonda le radici in un progetto ben più ampio e profondo.

Una professoressa di lettere ed esperta d’arte, Simona Barberio, decide di dar vita ad un laboratorio denominato “Ragazzi Generazione Z” con un gruppo di giovanissimi, per affrontare tematiche cruciali attraverso il linguaggio scritto e illustrato. Tali incontri hanno portato alla realizzazione di una collana di volumi che affronta argomenti come la legalità, il bullismo, il cyberbullismo, la lotta alle mafie, la violenza di genere e l’impatto psicologico del COVID-19.

Il progetto, nato da un annuncio sui social, ha coinvolto ragazzi di età compresa tra i 10 e i 15 anni, desiderosi di esplorare e comprendere le sfide di questo tempo. Simona Barberio ha pensato bene di guidare il gruppo, concentrandosi su tematiche rilevanti per la Generazione Z, attraverso linguaggi artistici, quali fumetti e calligrammi.

Il volume presentato ieri sera, “Scarpette Rosse – Il 25 novembre per dire NO alla violenza sulle donne “, rappresenta un’opera corale commovente, scritta ed illustrata. Questo volume narra storie di donne che hanno deciso di raccontare le proprie esperienze ed i propri pensieri. L’opera è un grido contro le ingiustizie e l’abuso di potere, un mantra che si ripete con forza: “NO ALLA VIOLENZA ALLE DONNE!!!”

Il progetto ha messo insieme una rete nazionale di persone con l’obiettivo di coinvolgere giovani e non solo, nella discussione sulla legalità e sulle questioni sociali. La manifestazione di ieri sera, è stata annoverata, inoltre, quale evento off della manifestazione “Eredità delle donne” di Firenze, diretto da Serena Dandini.

“Ragazzi Generazione Z” non intende fermarsi qui. Il prossimo progetto, “Essere Genitori 4.0”, prevede interviste e riflessioni dirette ai genitori, con l’obiettivo di coinvolgere anche gli adulti nella discussione e nell’approfondimento delle sfide affrontate dalla nuova generazione. Questo gruppo di giovanissimi sta dimostrando come l’arte possa essere uno strumento potente per affrontare e comunicare tematiche complesse e contribuendo, con il proprio pensiero critico  a creare una comunità nazionale di giovani attivi e consapevoli.

Articoli correlati
News

EU Street Art: la Rappresentanza in Italia della Commissione europea e il Centro Europe Direct di Salerno promuovono la libertà di stampa attraverso un’opera di arte urbana

1 min di lettura
È Salerno la seconda tappa del tour di murales che la Rappresentanza in Italia della Commissione europea sta realizzando nell’ambito dell’iniziativa EU Street…
News

“Partecipazione sociale: significati e pratiche in contesto nazionale. Una ricerca culturale”: oggi i volontari nella sede AIG

1 min di lettura
Un importante momento di partecipazione e di confronto, ieri 20 maggio, nella sede dell’Agenzia Italiana per la Gioventù. Con la dirigente di…
News

Decameron: lo spettacolo

1 min di lettura
Il 12 maggio, alle 20.30, presso il Teatro Garbatella si terrà lo spettacolo Decameron diretto e prodotto dalla coreografa Ilaria Desantis in…