News

Tempi difficili? Erasmus+ li affronta crescendo

1 min di lettura

La maggior parte di noi sa, o almeno può immaginare, cosa sia il programma Erasmus+ che da più di trenta anni ormai aiuta i giovani studenti a partire per un’esperienza all’estero; ancora pochi tuttavia conoscono quale sia l’obiettivo che è alla base di questo grande impegno assunto dai paesi dell’Unione. Vale la pena parlarne per due motivi, innanzitutto perché in questi ultimi anni, complice una recrudescenza di ideologie nazionaliste, sembra proprio accresciuta la differenza culturale non solo tra le nuove generazioni e le vecchie in tema di tolleranza, cittadinanza attiva e senso di appartenenza ma anche tra ragazzi della stessa età e con percorsi di vita differenti, e in fine è bene parlarne perché, proprio in virtù della condizione descritta, l’Europa ha deciso di apportare delle piccole ma significative modifiche (da tempo auspicate in verità), al progetto Erasmus+.

In estrema sintesi il finanziamento è stato raddoppiato ma questo non comporterà soltanto più partenze ma piuttosto l’applicazione di strategie trasversali che abbracciano fasce d’età molto ampie e che sollecitano l’acquisizione di conoscenze formative e professionali in ogni campo, soprattutto in quelli legati alla green economy. La famosa transizione ecologica sarà più rapida ed efficace col dialogo e la condivisione delle competenze tra popoli, questa è una certezza. Il principio dell’inclusione è sostenuto all’estremo dal nuovo programma 2021/27, infatti per le fasce sociali più deboli e che storicamente hanno dovuto spesso rinunciare a partire per impossibilità a finanziare anche i piccoli spostamenti o perché appartenenti a un contesto migratorio, perché disabili oppure residenti in aree remote, sono previste ulteriori risorse ed anticipi.

I paesi dell’Unione Europea hanno definito come prioritario per il futuro socio-economico dell’Europa la percezione di un destino comune e la creazione di una visione collettiva che parta innanzitutto dai cittadini, è per questo che Erasmus+ è destinato oggi ad essere uno dei tasselli più importanti di un obiettivo sociale ben più grande di sé.

Articoli correlati
News

Il caso Marta Russo raccontato dal collettivo Lorem Ipsum

7 min di lettura
24 anni dall’omicidio Marta Russo: il podcast “Undici Frammenti” del collettivo Lorem Ipsum è un’opera necessaria, per ricordare Marta, riflettere sulla giustizia…
News

Cosa cercano le aziende dai giovani? Parola all’esperto.

1 min di lettura
Estate tempo di vacanze ma anche di esami e colloqui di lavoro. Se è molto semplice ricercare le mete di viaggio, muoversi…
News

Quale estate...quale occasione per i giovani

2 min di lettura
La campagna vaccinale che procede a ritmo intenso sia in Italia che all’estero, la previsione di specifiche procedure di sicurezza sanitaria per…